Genetica e calvizie: comprendere i fattori di rischio

 

La predisposizione alla calvizie può essere ereditata dai genitori. Infatti, se uno o entrambi hanno sofferto o ne soffrono, avrai una maggiore probabilità di sviluppare il problema, ma comprendere i fattori di rischio può aiutarti a gestire la situazione. In questo articolo scopriremo quali sono i tipi di calvizie più comuni.

Alopecia, che ruolo ha la genetica?

Sebbene ci sia la convinzione errata che la calvizie sia originata dai geni da parte di madre, in realtà possono essere cruciali anche quelli da parte di padre. Ecco, allora, come la genetica influenza la calvizie: negli uomini inizia dal diradamento dei capelli sulla parte fronto-temporale della testa e sulle tempie, mentre quella femminile non colpisce le aree vicino alla fronte, ma si manifesta con la diminuzione di densità capillare su tutto il cuoio capelluto.

La genetica è una delle principali cause dell’alopecia, ma non è l’unico fattore che incide sulla perdita dei capelli. Anche l’età non è da non sottovalutare, perché, sebbene possa manifestarsi in giovinezza o in prossimità di della vita adulta, nella maggioranza dei casi, l’alopecia si sviluppa con l’avanzare degli anni. Ma possono causarla anche la carenza di vitamine, come la vitamina B contenuta nei fagioli, le verdure in genere, cereali o anche problemi ormonali legati al DHT, il diidrotestosterone, che se si trova in quantità elevate indebolisce i follicoli piliferi, portando alla caduta.

Di quale alopecia potresti soffrire?

Se hai notato un principio di calvizie o se è avanzata, ecco di quale potresti soffrire:

– Alopecia areata. Si manifesta con la perdita di capelli in alcune aree circoscritte a chiazze e può espandersi su tutto il cuoio. I capelli ricrescono, ma queste ultime possono riapparire queste in una futura ricaduta. È una condizione che di solito è collegata, oltre alla componente genetica, a malattie autoimmuni come diabete e celiachia

Alopecia androgenetica, chiamata più comunemente calvizie, è la più frequente. Si manifesta solitamente a partire dai 50 anni, ma può espandersi già molto prima. L’origine è principalmente genetica, ma può essere anche ormonale

– Alopecia cicatriziale. La perdita dei capelli avviene in chiazze e nella maggior parte dei casi. Questa condizione è causata da condizioni infiammatorie o autoimmuni e può avere origine dopo danni alla pelle, come infezioni e ustioni. Inoltre, l’alopecia cicatriziale potrebbe essere permanente

– Alopecia fibrosante frontale. Questo tipo può coinvolgere una vasta area del cuoio capelluto. Comporta l’arretramento dell’attaccatura dei capelli e la perdita si configura come una fascia nella regione fronto-temporale della chioma

– Alopecia universale. È causata da una malattia autoimmune che danneggia i follicoli piliferi e impedisce la formazione dei capelli e dei peli su tutto il corpo. Può avere origine genetica: i follicoli potrebbero non ricrescere

Affronta da subito la calvizie

La genetica svolge un ruolo significativo nella calvizie, ma puoi risolvere questo problema, attraverso una strategia personalizzata da valutare con un’équipe medica specializzata.

La Hair Port Clinic è qui per aiutarti a comprendere meglio la tua situazione e a trovare le migliori opzioni per preservare o ripristinare la bellezza e la salute dei tuoi capelli, fin da subito.

 

Leggi anche: Calvizie precoce: prevenzione e gestione